© è consentito l'uso parziale di immagini e testi citando la fonte. Per altri utilizzi consultare l'autore

spazzaturaUn sacco d'arte
(gennaio '13)

L’altro giorno la signora che fa le pulizie a casa mia (non so perché ma quando ero piccolo si chiamava “donna di servizio”) aveva appeso il sacco della spazzatura alla maniglia della porta di casa. Le ho chiesto se avesse così voluto attirare la mia attenzione sui miei rifiuti.

Poi, supponendo di essere un intellettuale, ho detto che in realtà lei voleva “polarizzare” il mio sguardo sullo spazio fisico e simbolico della mia vita quotidiana.

Poi ho visitato la mostra di Kounellis alla San Fedele a Milano. La mostra consiste in un sacco appeso ad una trave. Ed ho letto questa dichiarazione dell’artista:

«Lo spazio è idea di pittura, di scultura, va polarizzato, il quadrato di Malevic è dentro lo spazio, è polarizzante. Questo è un concetto che comprende tutta la pittura. In ogni caso questa (indicando l'opera presente in galleria) è fuori da un quadro e comunque è in grado di polarizzare uno spazio enorme. Misurare fisicamente uno spazio è come essere a teatro: è l'uomo a determinare la misura dello spazio».

La mia signora delle pulizie si chiama Maria: credetemi è una vera artista!

 

torna alle "considerazioni" - oppure alla home page