© è consentito l'uso parziale di immagini e testi citando la fonte. Per altri utilizzi consultare l'autore

camera oscuraDilettanti
(marzo '13)

L’altro giorno ho assistito ad un colloquio tra due pittori: un dilettante e un professionista. Per la privicy il professionista lo chiameremo Brambilla.

Dice il dilettante: “Sono stupito della tua bravura. Ma dimmi, tu usi forse il proiettore?”

Brambilla: “Si talvolta, quando le tele sono molto grandi

Dilettante: “E usi anche la fotografia?”

Brambilla: “Spesso

Dilettante: “Adesso capisco!

Brambilla: “Ma cosa c’è da capire? Anche Caravaggio, che non ha mai fatto un disegno, usava i doppi specchi, anche Vermeer usava la camera scura, per non parlare dei vedutisti veneti: tutta camera scura. Ingres, invece, usava la camera lucida, e le fonti di Degas sono quasi tutte fotografie. Sai qual’è il problema? È che dopo bisogna saper dipingere come Degas, Vermeer , Caravaggio o ...Brambilla!”



 



torna alle "considerazioni" - oppure alla home page